venerdì 18 aprile 2014

Edu-Film: La Classe - Entre Les Murs

François insegna francese in una scuola media superiore parigina.
 Facciamo la sua conoscenza mentre si incontra con i colleghi (vecchi e nuovi arrivati) ad inizio anno scolastico.
 Da quel momento rimarremo sempre all'interno delle mura scolastiche seguendo il suo rapporto con una classe.

 Il suo metodo d'insegnamento, che si rivolge a un gruppo eterogeneo di ragazzi e ragazze, mira ad offrire loro la migliore educazione possibile in una realtà cui i giovani non hanno un comportamento sempre inappuntabile e possono spingere anche il migliore dei docenti ad arrendersi a un quieto vivere che non richieda confronti e magari scontri con gli allievi.

 Non tutti infatti apprezzano la sua franchezza e il professor Bégaudeau si troverà dinanzi a un caso che lo metterà in una posizione difficile.


As Animals. I See Ghost (Ghost Gunfighters)



Lei si chiama Zara Desbonnes e lui Frédéric Grange. Sono il duo francese As Animals

Editoria digitale

Questo testo gratuito propone uno spaccato sul panorama dell'editoria digitale, illustrando i presupposti che ne favoriscono la diffusione e analizzando nel dettaglio linguaggi, formati, dispositivi e concrete esperienze editoriali, con un occhio di riguardo ai problemi pratici legati alla produzione dei libri digitali e ad alcune criticità come quelle poste - per esempio - dal copyright.
 Queste le domande intorno a cui si sviluppa il discorso: cos'è l'editoria digitale? Su quali prodotti si concentra? Come vengono distribuiti? In quali formati? Come cambia il flusso di lavoro sul contenuto? Al centro una riflessione sull'alternativa tra libri stampati e libri elettronici, e un'analisi sulle possibilità offerte da nuove tecnologie per la presentazione dei contenuti.
 Senza dimenticare che attraverso il Web e i motori di ricerca "trovare e leggere" è diventato più semplice e veloce.
 Un libro per riconsiderare il processo che porta un contenuto al lettore.
 In pratica per imparare a fare "editoria digitale".

download da Google Play

Editoria digitale
di Letizia Sechi
Apogeo Editore
Gratis

Fabio Concato. A Dean Martin



Fabio Concato, nome d'arte di Fabio Piccaluga (Milano, 31 maggio 1953), è un cantautore italiano.
Il padre è Luigi Piccaluga, chitarrista e autore jazz più noto come Gigi Concato, a sua volta figlio dei cantanti lirici Nino Piccaluga e Augusta Concato; come il genitore, quindi, è dal cognome di quest'ultima che Fabio trae lo pseudonimo. La madre è invece una giornalista e poetessa.

giovedì 17 aprile 2014

La Corporazione degli Attori (Virtuali?)

In questo breve filmato, 3 attori (animati) di età diverse ed una giovane attrice (anch'essa animata), nel corso di una breve intervista individuale sembrano contestare, ognuno a suo modo, il fatto che il loro ruolo artistico possa venire, per così dire, sottovalutato. 
E lo fanno tutti con molta determinazione ed enfasi.  C'è infatti chi si agita sulla poltrona, chi si alza e si risiede nervosamente, o semplicemente chi si sposta i capelli o si gratta la testa . . . No, proprio non ci stanno ad essere considerati attori di serie B!

Dai quattro interventi emerge la solidale convinzione che il loro lavoro necessita di professionalità, impegno e considerano pertanto limitativo il termine 'cartoon' usato per recensire il loro operato. Ed è inoltre con particolare enfasi che uno dei quattro protagonisti afferma tra l'altro che gli 'animated actors' hanno un'anima (che si riflette quindi nelle loro performances).

Un film d'animazione egregiamente realizzato dal team di Make con la tecnica della Computer Generated Imagery (CGI) interpretato appunto da attori animati che, nello spazio di in un minuto, danno risalto al loro lavoro in una sorta di intervista senza intervistatore.

Attraverso questi attori per così dire particolari, la produzione di questo filmato intende probabilmente “fare il verso” ai colleghi del cinema tradizionale dimostrando che, anche se frutto di pura tecnica, i gesti, le espressioni ed il linguaggio dei protagonisti degli animated short hd possono senz'altro competere con i loro corrispettivi in “carne ed ossa”.

by Make
12 South 6th St. Suite 830
Minneapolis, MN, 55402
Information : info@makevisual.com
Jobs : jobs@makevisual.com

Il Bene, motivo conduttore del Salone 2014

La ventisettesima edizione del Salone Internazionale del Libro si tiene da giovedì 8 a lunedì 12 maggio 2014 al Lingotto Fiere (via Nizza 280, 10126 – Torino). Il Salone 2014 occupa con i propri spazi espositivi quattro padiglioni di Lingotto Fiere: l'1, 2, 3 e 5.

È il Bene il motivo conduttore del Salone Internazionale del Libro 2014.
 Di fronte a una crisi globale che è anzitutto morale e culturale, diventa urgente la necessità di ridefinire le regole del gioco, di provare a disegnare un catalogo di valori, esperienze, sensibilità di segno positivo, da cui provare a ripartire.
 Non discorsi astratti, ma un'agenda di cose da fare.
 E da fare bene, al meglio possibile.
 Della nostra storia recente siamo soliti dare una lettura all'insegna della negatività, che finisce per alimentare le ragioni del catastrofismo e della rassegnazione.
 Eppure sono ancora molte le energie, le competenze e le disponibilità di chi vede la crisi come un'occasione di cambiamento e di innovazione vera.
 Dove corrono oggi le frontiere dell'etica pubblica e privata? In quale misura sono cambiate? Come sta evolvendo la mentalità collettiva? Un primo spunto potrà venire dalle risposte che la letteratura e la filosofia ha dato ai bisogni primari delle società umane.

Concorso: La mia scuola, la sua storia

Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca – D.G.  per lo Studente, l'Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione, in collaborazione con l'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, indice per l'anno scolastico 2013/2014 il concorso nazionale "La mia scuola, la sua storia ".
 Scopo del concorso è quello di valorizzare il ricco patrimonio costituito dalle migliaia di scuole che sono presenti sul territorio italiano, ciascuno con una propria storia, una propria identità, un proprio nome.
 La partecipazione al concorso è aperta a tutti gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado.
 Gli studenti possono partecipare singolarmente, per gruppi o per classi.
 Ogni Istituto scolastico potrà inviare un numero massimo di 3 elaborati.
 Qualora ne vengano prodotti in numero maggiore, sarà cura della singola Istituzione scolastica individuare e selezionare i tre migliori lavori da presentare per il concorso.
 Gli studenti dovranno produrre un elaborato sulla storia della propria scuola utilizzando, a piacere, la tecnica della relazione scritta, quella dell'elaborato grafico, fotografico, artistico o multimediale (filmati, powepoint, sito web, blog, social network etc.).
 Gli elaborati potranno prendere in considerazione diversi aspetti legati alla storia della propria scuola quali la sua istituzione, le sue strutture ed edifici, il coinvolgimento in particolari avvenimenti storici, le relazioni storiche con il contesto urbano e sociale di riferimento.
 Gli elaborati dovranno essere raccolti dal Dirigente scolastico e inviati entro e non oltre il 15 maggio 2014 tramite posta al seguente indirizzo: Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca – Direzione Generale per lo Studente, l'Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione, Ufficio IX, Viale Trastevere 76/A, 00153 Roma.
 Sulla busta dovrà essere riportata la dicitura : Concorso "La mia scuola, la sua storia".
Ciascun elaborato dovrà essere accompagnato dalla "Scheda di presentazione elaborati", allegata al presente Regolamento, debitamente compilata in ogni sua parte.

download bando e regolamento di partecipazione

Musei gratis per gli insegnanti

E’ in vigore, dopo la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 26 marzo, il provvedimento che consente ai docenti delle scuole di accedere gratuitamente a musei statali e siti archeologici, storici e di interesse culturale gestiti dallo Stato, in via sperimentale per l’anno 2014.

Qui sotto sono disponibili i link per la circolare e per il modulo di certificazione da compilare e presentare alle biglietterie.

Circolare
Modulo

Perry Como. Dream On Little Dreamer



Pierino Ronald Como, conosciuto con il nome d'arte di Perry Como (Canonsburg, 18 maggio 1912 – Jupiter, 12 maggio 2001), è stato un cantante, conduttore televisivo e attore statunitense, molto popolare negli Stati Uniti a partire dagli anni trenta fino agli anni novanta.

mercoledì 16 aprile 2014

Edutainment: DragonBox Algebra 12+

DragonBox Algebra 12+ è uno strumento essenziale per tutti gli studenti che desiderino avere dei risultati migliori ed una maggior dimestichezza nell'algebra e nella matematica.

DragonBox Algebra 12 + insegna l'algebra in modo intuitivo ed efficace.
L' algebra è rappresentata usando oggetti che vengono gradualmente sostituiti con variabili e numeri veri e propri.
Le regole dell'algebra sono introdotte un passo alla volta in modo divertente e giocoso.
Alla conclusione del gioco, il giocatore avrà appreso a risolvere complesse equazioni algebriche.

Il giocatore impara attraverso la sperimentazione e la logica.
DragonBox è stato creato da insegnanti ed ha ricevuto numerosi riconoscimenti.


Caratteristiche:

* 20 capitoli (10 di apprendimento, 10 di allenamento)
* Oltre 300 problemi
* Introduzione di moltissimi concetti algebrici: segno, zero, moltiplicazione, divisione, parentesi, segni, frazioni, distribuzione, scomposizione, creazione di parametri...
* Minuscolo numero di istruzioni
* Multipli profili
* Disponibile in 15 lingue diverse (incluso l'italiano)




Lüge Macht Frei? Stille Macht Frei?

La bugia ci rende più liberi?
Evidentemente no.
Da come  i giornalai-giornalisti si sono scatenati dopo il post di Grillo che, parafrasando la poesia di Levi, ha sottolineato tutti i mali di questa italietta (Se questo è un Paese - Se questo è un uomo) inizio a pensare che i cosiddetti poteri forti così granitici non sono.
Così come il debole, di solito stupido ed ignorante, alza la voce in una discussione che altrimenti lo vedrebbe confinato nel torto più assoluto, anche i cannoni comunicativi delle banche, industrie, politici corrotti - ovvero i giornali - hanno sparato balle o bolle, come preferite.
Da sempre la scritta "Arbeit Macht Frei" è stata usata, travisata, abusata, corrotta da intellettuali o pseudo tali, artisti o pseudo tali, scribani, copiatori e nulla-neuronali.
Di destra, di sinistra, di centro.
(Vedi le immagini qui sotto)
Mai nessuno ha sbraitato in questo modo.
E' anche ora di smetterla di pensare che un qualsiasi portavoce ebreo possa avere il dono della verità.
E' anche ora di smetterla di pensare che non si possa criticare, ad esempio, l'operato di Israele solo perchè sono ebrei. Eppure uccidono, torturano, recludono, innalzano muri, affamano.
Lüge Macht Frei?
Stille Macht Frei?


Arbeit Macht Frei nella moda

Mediaset Macht Frei

Fliegen Macht Frei

Tanzen Macht Frei

Atos Macht Frei

Liebe Macht Frei

The Communards. Don't leave me this way



The Communards sono stati un duo musicale britannico degli anni ottanta.
Il gruppo si formò nel 1985 dopo che il cantante Jimmy Somerville aveva abbandonato la sua precedente band dei Bronski Beat per creare questo nuovo complesso insieme al musicista Richard Coles, che aveva ricevuto una formazione di musica classica